Truffa all’Ue, sequestrati beni per 5 milioni. M5s: “Inefficaci i controlli regionali”

Ricevevano fondi comunitari per rinnovare le aziende agricole ma falsificavano le fatture delle spese che avrebbero dovuto finanziare con soldi propri

ANSA/ LORENZO DOLCE

Hanno ricevuto un finanziamento pubblico, sostenuto in parte da fondi comunitari, per un progetto in cui avrebbero dovuto anche investire fondi proprio. Ma grazie a fatture false e riciclaggio hanno utilizzato il denaro dei contribuenti senza sborsare nulla di tasca propria. Per questo è stato disposto un sequestrato di immobili, aziende e disponibilita' finanziarie del valore complessivo di oltre 5 milioni di euro a tre imprenditori agricoli di Valledolmo e a un agronomo di Lascari, nel palermitano. Il provvedimento disposto dal Gip del Tribunale termitano riguarda l'ipotesi di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, falso, frode fiscale, riciclaggio e malversazione ai danni dello Stato.

La truffa

L'attivita' investigativa della Guardia di Finanza palermitana si è concentrata sull'analisi di due domande di finanziamento pubblico per l'ammodernamento delle aziende agricole degli indagati. Il progetto prevedeva che gli imprenditori sostenessero nella misura del 50% gli oneri di spesa ammessi al finanziamento "ma le indagini hanno permesso di scoprire che, attraverso un meccanismo di false fatturazioni e di riciclaggio, gli investimenti sono stati realizzati senza il previsto apporto di mezzi propri, a danno dell'Unione Europea, dello Stato e della Regione Siciliana, istituzioni tra le quali è ripartito, in varia misura, il finanziamento", spiegano le fiamme gialle.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

M5s: "Controlli inesistenti"

Questa truffa “è l’ennesima dimostrazione che i controlli della Regione Siciliana si sono dimostrati inefficaci e inesistenti. Da anni sosteniamo che il lavoro di controllo deve essere svolto dalla Regione”, ha dichiarato il Movimento 5 stelle Europa. Per i 5 Stelle “il sistema non funziona. Lo diciamo da anni, ma ci siamo scontrati con i muri di gomma di Palazzo d’Orleans e con un governo nazionale assente”. “Per restringere le maglie, occorre anche rafforzare i controlli e applicare un codice di condotta dei centri di assistenza agricola e rafforzare i controlli di Agea. La nostra proposta è quella di estendere la certificazione antimafia ai centri di assistenza agricola".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La misteriosa malattia che sta uccidendo i kiwi italiani

  • È mandorle mania, da 5 anni in Europa l'ingrediente più usato nei nuovi prodotti alimentari

  • Londra vieta i gruppi di più di sei persone, ma non se si va a caccia

  • "Carne contaminata venduta sul mercato", l'allarme degli ispettori sanitari europei

  • La cannabis no, i grilli sì: il rischio Ue per i cibi alla canapa

  • Nuovi casi di peste suina in Germania, Cia: "Evitare contagio in Italia"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento