rotate-mobile
Mercoledì, 30 Novembre 2022
Lo studio

L'amido nelle banane verdi può ridurre il rischio di alcuni tumori di oltre il 60%

Lo rileva uno studio britannico, centrato sul cancro all'intestino crasso. È presente anche nell'avena, cereali, piselli, riso e fagioli

Un amido nelle banane acerbe può ridurre il rischio di alcuni tumori di oltre il 60%. Lo ha scoperto uno studio di 20 anni, condotto da esperti delle Università di Newcastle e Leeds e pubblicato sulla rivista Cancer Prevention Research. Gli scienziati hanno riscontrato questo tipo di amido anche nell'avena, nei cereali, nel riso, nei piselli e nei fagioli. La ricerca potrebbe avere importanti implicazioni nella riduzione dei tumori nella parte superiore dell'intestino, che secondo i medici possono essere difficili da individuare e diagnosticare.

I partecipanti allo studio hanno assunto una dose di questo “amido resistente”, equivalente a quella che si otterrebbe mangiando una banana non eccessivamente matura, caratterizzata dal colore verde. L'amido resistente è un tipo di carboidrato che, a differenza della maggior parte delle altre tipologie, non viene digerito nell'intestino tenue. Invece, fermenta nell'intestino crasso, nutrendo batteri intestinali sani. Circa 1.000 pazienti con la sindrome di Lynch, una malattia ereditaria che aumenta il rischio di cancro, in particolare nell'intestino crasso e nel retto, hanno assunto la dose per una media di due anni.

L'amido ha ridotto l'incidenza in alcune parti del corpo di oltre il 50%. "Abbiamo scoperto che l'amido resistente riduce una serie di tumori di oltre il 60%. L'effetto era più evidente nella parte superiore dell'intestino", ha affermato in una nota John Mathers, professore di nutrizione umana all'Università di Newcastle . "La dose utilizzata nella sperimentazione equivale a mangiare una banana al giorno: prima che diventino troppo mature e morbide, l'amido delle banane resiste alla rottura e raggiunge l'intestino dove può cambiare il tipo di batteri che le abitano". L'amido resistente può essere assunto come integratore in polvere e si trova naturalmente in piselli, fagioli, avena e altri alimenti ricchi di amido.

"Quando abbiamo iniziato gli studi più di 20 anni fa, pensavamo che le persone con una predisposizione genetica al cancro del colon potessero aiutarci a verificare se potevamo ridurre il rischio di cancro con l'aspirina o l'amido resistente", ha affermato il professor Sir John Burn, della Newcastle University e Newcastle Hospitals NHS Foundation Trust, che ha co-gestito il processo. Secondo gli esperti entrambi gli elementi potrebbero ridurre lo sviluppo del cancro riducendo il numero di acidi biliari nell'intestino che sono noti per danneggiare il DNA e alla fine causare il cancro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'amido nelle banane verdi può ridurre il rischio di alcuni tumori di oltre il 60%

AgriFoodToday è in caricamento