Crescita sostenibile in Africa, accordo tra Crea e Act

Intesa per sostenere la cooperazione scientifica e tecnologica, finalizzata alla promozione di una agricoltura più moderna, produttiva e in grado di preservare l'ambiente

Il Crea, ente italiano di ricerca sull'agroalimentare, e Act (African Conservation Tillage) Network, organizzazione non profit panafricana per la gestione sostenibile delle risorse naturali e agricole, siglano oggi a Roma un Memorandum of Understanding per sostenere la cooperazione scientifica e tecnologica, finalizzata alla promozione di una agricoltura più moderna, produttiva e in grado di preservare l'ambiente.

L'accordo quinquennale, firmato dal presidente del Crea Salvatore Parlato e dal segretario esecutivo di Act Network Saidi Mkomwa alla presenza dell'ambasciatore Pierfrancesco Sacco, rappresentante permanente italiano presso le Organizzazioni delle Nazioni Unite a Roma, prevede trasferimento e scambio della conoscenza e dell'innovazione a tutto tondo: dalle pubblicazioni al personale alle nuove tecnologie. Saranno avviati progetti e attività di ricerca, formazione e comunicazione sull'agricoltura, l'agroindustria, la pesca, le foreste finalizzati allo sviluppo sostenibile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un comitato di coordinamento congiunto è incaricato di supervisionare le diverse iniziative: per il Crea è stato designato Michele Pisante, consigliere d'amministrazione e ordinario di Agronomia e coltivazioni erbacee presso l'Università degli Studi di Teramo, mentre per Act è stato nominato Amir Kassam (University of Reading). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La misteriosa malattia che sta uccidendo i kiwi italiani

  • È mandorle mania, da 5 anni in Europa l'ingrediente più usato nei nuovi prodotti alimentari

  • Londra vieta i gruppi di più di sei persone, ma non se si va a caccia

  • "Carne contaminata venduta sul mercato", l'allarme degli ispettori sanitari europei

  • La cannabis no, i grilli sì: il rischio Ue per i cibi alla canapa

  • Nuovi casi di peste suina in Germania, Cia: "Evitare contagio in Italia"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento