In Europa, la pasta italiana perde terreno

I dati Eurostat mostrano una riduzione dal 72% al 67% nell’offerta di spaghetti e affini di produzione tricolore tra il 2016 e il 2017. Si riduce anche l’export del Belpaese al di fuori dell’Unione

Un piatto di pasta alla carbonara in un'immagine d'archivio. ANSA

Fusilli, farfalle, penne, bucatini e ovviamente spaghetti. In una parola, pasta. Nell’Ue non se ne mangia poca. Lo scorso anno sono finiti in pacchi e confezioni qualcosa come oltre cinque milioni di tonnellate di pasta, finite poi nei piatti e sulla tavola di tutta Europa. Da dove arrivano tutte queste prelibatezza non è neanche il caso di dirlo: da sempre pasta è sinonimo di Italia, che con 3,6 milioni di tonnellate di pasta prodotte lo scorso anno, per un valore di 3,5 miliardi di euro, ha rappresentato il 67% della produzione totale dell'Ue in termini di volume e valore.

L’Italia non ha dunque concorrenti, in questo settore. Tuttavia l’Italia perde quote di mercato. Se nel 2017, come detto, la produzione tricolore di pasta ha rappresentato il 67% del totale, nel 2016 era invece il 72%. Qualcuno, nel territorio dell’Ue, non sembra apprezzare più il prodotto simbolo dello Stivale. Lo stesso sembra essere accaduto per la quantità di spaghetti e affini venduti al di fuori dell’Ue: mentre l’export di pasta europea è aumentata di 0,1 milioni di tonnellate tra il 2016 e il 2017, la quota nazionale all’interno di questa quota si è ridotta dell’1% (dal 77% al 76% delle vendita extra-Ue).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La metà della pasta prodotta in Europa finisce nei piatti di tedeschi e francesi, che insieme rappresentano il 48% della domanda comunitaria (25% e 23% rispettivamente, per acquisti pari a 363mila tonnellate e 337mila tonnellate di pasta). Stati Uniti e Giappone i principali mercati extra-comunitari per fusilli, farfalle, pennette, gnocchetti e quant’altro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La misteriosa malattia che sta uccidendo i kiwi italiani

  • È mandorle mania, da 5 anni in Europa l'ingrediente più usato nei nuovi prodotti alimentari

  • Londra vieta i gruppi di più di sei persone, ma non se si va a caccia

  • "Carne contaminata venduta sul mercato", l'allarme degli ispettori sanitari europei

  • La cannabis no, i grilli sì: il rischio Ue per i cibi alla canapa

  • Nuovi casi di peste suina in Germania, Cia: "Evitare contagio in Italia"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento