"La Commissione Ue pronta a sostenere l'olivicoltura italiana"

Lo dice il presidente di Italia Olivicola, Gennaro Sicolo, che nei giorni scorsi ha incontrato il commissario Ue all'agricoltura, Phil Hogan

Il commissario Ue Phil Hogan

La Commissione europea è pronta "a stanziare risorse importanti per la ricostruzione dell'olivicoltura salentina e per il sostegno delle imprese colpite" e ribadisce "l'assoluta necessità per l'Italia di iniziare da subito una seria battaglia contro la xylella per evitare che il batterio possa continuare ad avanzare e a distruggere gli uliveti". E' quanto dichiara il presidente di Italia Olivicola, Gennaro Sicolo, dopo l'incontro a Tokio con il commissario Ue all'Agricoltura, Phil Hogan.

"Ho potuto riscontrare una grande attenzione e una forte preoccupazione dei vertici dell'Unione europea per il disastro xylella e altrettanta volontà di impegnarsi per provare a dare risposte concrete alle migliaia di aziende olivicole che purtroppo hanno perso tutto - ha sottolineato Sicolo - Continueremo a discutere della questione a tutti i livelli e non ci fermeremo fino a quando non riusciremo finalmente a far ripartire l'economia olivicola salentina, pugliese e italiana". Al centro dell'incontro con Hogan, anche la nomina di un italiano alla direzione del Consiglio oleicolo internazionale e l'apertura di una corsia preferenziale per l'olio extravergine d'oliva italiano sul mercato giapponese.

Su quest'ultimo punto, Sicolo sostiene la necessità "di richiedere al ministero dell'Agricoltura nipponico di avviare una modifica legislativa per equiparare, anche in Giappone, i parametri dell'extravergine al sistema internazionale, e l'opportunità di intraprendere un percorso di promozione per portare sui mercati giapponesi l'olio extravergine d'oliva italiano dei produttori, simbolo di qualità e benessere". 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Ambiente&Clima

    Allarme della Fao: popolazione globale api in declino, sicurezza alimentare a rischio

  • Filiera

    "Bruxelles renda obbligatori i semafori alimentari", la petizione dei consumatori Ue (che non piace all'Italia)

  • Le Storie

    “Stop ai fondi Ue per gli allevamenti intensivi”, la battaglia che unisce ambientalisti e piccoli allevatori 

  • Ambiente&Clima

    "Xylella, il 75% dei campi pugliesi è abbandonato"

I più letti della settimana

  • Xylella, l'Ue ammette: "C'è un'alternativa agli abbattimenti, ma non elimina il batterio"

  • Dal grana al prosciutto, quel "bollino nero" della Fao che fa paura al made in Italy

  • Glifosato, la Bayer condannata a risarcire con 2 miliardi due malati di cancro

  • "Bruxelles renda obbligatori i semafori alimentari", la petizione dei consumatori Ue (che non piace all'Italia)

  • L'Italia in piazza (e al supermercato) contro i pesticidi. Ma Agrofarma non ci sta: "Basta fake news"

  • In 5 mila geni del pomodoro il segreto del sapore perduto

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento